Incrocio sicuro pedone Prometheus www.incrociosicuro.com
info@incrociosicuro.com
 Skype: Incrocio.Sicuro

Incrocio Pedone Sicuro Logo Facebook mini

Rassegna Stampa

17-1-13

Incrocio Sicuro in TV su GRP

L'assessore alla Disabilità Giuseppe Scrima (Comune di Asti) presenta Incrocio Sicuro in questa lunga intervista televisiva, focalizzando l'attenzione sull'utilità del dispositivo per i disabili.

Incrocio Sicuro Pedone Scrima disabili

9-1-13

Incrocio Sicuro approda sui Social

Presente da pochi giorni sulle piattaforme di social network Facebook e Google+, Incrocio Sicuro si è distinto sino a diventare in tempi record una delle cause più seguite nel settore, con la più rapida crescita. Il progetto ha destato interesse al di là di ogni più rosea aspettativa, promuovendo iniziative di interazione sociale ed efficaci campagne di sensibilizzazione alle tematiche di sicurezza stradale. 

Fonti: Facebook

 

18-12-12

Mercoledì la presentazione del progetto “Incrocio sicuro”

Mercoledì alle ore 11 la conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa, presieduta dal consigliere comunale Scrima. L'obiettivo: "Rendere Asti una città etica e sicura"

Incrocio sicuro convegno

Il consigliere Giuseppe Scrima (a destra) insieme al sindaco Fabrizio Brignolo

Mercoledì 19 dicembre alle ore 11, presso la Sala Giunta del Comune di Asti, verrà presentato ufficialmente il progetto “Incrocio sicuro”, che prevede la creazione di un sistema di segnalazione luminosa degli attraversamenti pedonali, per tutelare la sicurezza sia dei pedoni sia degli automobilisti.

Alla conferenza stampa, indetta dal consigliere comunale delegato alla Disabilità Giuseppe Scrima (Moderati per Brignolo), parteciperanno inoltre il vice-sindaco Davide Arri, l’assessore ai Lavori Pubblici Maria Bagnadentro e l’assessore ai Servizi Sociali Piero Vercelli.

Questa sarà solo la prima di una lunga serie di iniziative che verranno proposte per fare di Asti una città etica e sicura”, è il commento dei promotori del progetto.

La conferenza stampa è aperta unicamente a giornalisti e addetti ai lavori.

Fonti: Atweb, Libero247

 

21-12-12

Asti, una città amica dei disabili

Una nuova idea di città, che sia “etica” e a misura di disabile. Il gruppo dei Moderati ha presentato in Comune una serie di iniziative volte a rendere le piazze e le vie di Asti più sicure per chi ha problemi di disabilità ma anche più agevoli per gli anziani e mamme con passeggini

Asti Scrima Giugliano Boccia Cerrato

Da sinistra Scrima, Giugliano, Boccia e Cerrato (foto Ago)

Basta barriere architettoniche, via gli ostacoli dai marciapiedi ma, soprattutto, avanti con una nuova idea di città, che sia “etica” e a misura di disabile. Il gruppo dei Moderati ha presentato in Comune una serie di iniziative volte a rendere le piazze e le vie di Asti più sicure per chi ha problemi di disabilità ma anche più agevoli per gli anziani e mamme con passeggini.

In prima linea è sceso il consigliere comunale Giuseppe Scrima, non vedente e da poche settimane delegato dal sindaco Brignolo ad occuparsi di questi problemi che interessano un numero considerevole di persone. «Stiamo cercando di trasformare Asti in una città etica facendo piccole cose ma molto importanti - spiega Scrima - Ho chiesto ad una rete di contatti di segnalarmi ogni tipo di criticità così da intervenire prontamente in maniera utile a risolvere il problema». Vasi, espositori, fioriere più o meno ingombranti ma anche parcheggi selvaggi sono solo alcune delle trappole che costringono molti disabili a non uscire di casa perché non si sentono sicuri.

Collegata all’idea di “Città etica” è stata presentata l’iniziativa “Prometheus - Incrocio sicuro” che i Moderati sperano di vedere realizzata al più presto, magari destinando una piccola quota degli oneri di urbanizzazione per finanziarne le varie voci. «E’ un progetto rivoluzionario che presentiamo ad Asti in anteprima nazionale - commenta il coordinatore Massimo Boccia - senza considerare il valore etico e sociale che riteniamo essere importantissimo». Prometheus prevede l’installazione di sistemi di attraversamento pedonali muniti di sensori e segnalazioni luminose.

Quando una persona, disabile o meno, si avvicina alle strisce pedonali, magari in prossimità di una rotonda, parte un segnale che accende un pannello a led posto a circa 100 metri dall’attraversamento così da avvisare l’automobilista della sua presenza. L’installazione di telecamere capaci di leggere le targhe dei mezzi in transito garantirebbe, in caso di violazioni al Codice della Strada, la possibilità di risalire al conducente e sanzionarlo o denunciarlo.

Raffaele Giugliano, collega di Scrima in Consiglio comunale, ringrazia la sensibilità dimostrata dall’amministrazione Brignolo verso le tematiche dei disabili mentre gli assessori Vercelli, Bagnadentro e Cerrato sposano in toto l’iniziativa e sono intenzionati a sostenerla cercando fondi nei rispettivi bilanci così da poterla attuare il prima possibile. «A tutto ciò si unisce il progetto del Giobert che presto adotterà una piazza di Asti per renderla totalmente accessibile ai disabili - commenta l’assessore Cerrato - E’ nostra intenzione diventare un modello nazionale, sia con questi progetti che con le iniziative collegate all’Albergo Etico».

Riccardo Santagata

twitter: @riccardosantaga